Politica / Politica

Commenta Stampa

“Necessità di intervenire per ridurre divari”

Bankitalia: “Più donne in politica ci sarebbe meno corruzione”


Bankitalia: “Più donne in politica ci sarebbe meno corruzione”
31/05/2012, 18:05

ROMA - "A una più elevata presenza di donne tra gli amministratori pubblici corrispondono livelli di corruzione più bassi e un'allocazione delle risorse orientata alla spesa sanitaria e ai servizi di cura e istruzione". Sono queste le parole che si evincono dal rapporto Bankitalia, secondo cui se ci fossero più donne impegnate in politica, il livello di corruzione scenderebbe notevolmente. "La carenza dei servizi volti a conciliare vita professionale e familiare continua ad essere un freno alla partecipazione al mercato del lavoro nei primi anni di vita dei figli. All'interno della famiglia, anche tra le coppie in cui entrambi i coniugi lavorano, i carichi domestici e di cura gravano in misura sproporzionata sulle donne", afferma ancora Bankitalia. Secondo la relazione "evidenze internazionali mostrano possibili benefici di una maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro, nelle posizioni di vertice, nelle amministrazioni". Per questo Palazzo Koch sottolinea la necessità "di interventi ad ampio raggio per ridurre i divari; le esperienze sviluppate in alcuni paesi - sul piano normativo, fiscale, dei servizi - possono fornire utili indicazioni".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©