Politica / Politica

Commenta Stampa

Barbato (Idv): "filmato complicità dello Stato sulla “munnezza”"


Barbato (Idv): 'filmato complicità dello Stato sulla “munnezza”'
26/03/2012, 17:03

26 marzo 2012 (ore 16). Questa mattina il capogruppo Idv Commissione Finanze Francesco Barbato si è recato ad Acerra per costatare i danni causati dal rogo divampato martedì scorso nella piazzola occupata da tonnellate di eco balle andate in fumo, ad un palmo dal termovalorizzatore, guardato a vista notte e giorno.

“L’esercito del Battaglione san Marco – racconta il dipietrista – è stato intento a bloccarmi sulla strada pubblica mentre scattavo delle foto. Un poliziotto in borghese che si è detto “disturbato” della nostra presenza, non si è voluto presentare, e con aria di sfida mi ha chiesto: “ma che vuole identificarmi?” Ho visto infine personale dell’Istituto di vigilanza privata “La Leonessa” – sempre pagato dallo Stato - per il controllo interno h24, con check continui sulle cinque pulsantiere fissate all’interno delle piazzole di eco balle.

Mura di recinzione alte tre metri, con cartelli di sorveglianza armata composta da pattuglie dell’esercito e di vigilanza privata non hanno impedito l’incendio doloso all’indomani della “sofferta” ordinanza del presidente Cesaro alla sua società partecipata. Intanto, i lavoratori del Consorzio di Bacino in liquidazione - provincia Napoli e Caserta - non sono pagati da gennaio mentre i due presidenti Cesaro e Zinzi puntualmente ogni mese “spiluccano” due stipendi: uno da parlamentare e uno da presidente provincia.

Mentre filmavo quest’inferno che annegava in un lago di acqua nera e putrida sorvolava l’area l’elicottero del noto industriale-ecologico (Pelino) responsabile nella stessa zona di gravi ed inquinanti episodi procurati con la sua società di rifiuti.

Ho filmato tutto e denuncerò le gravi colpe di provincia e Stato rispetto all’accaduto e la necessità di difendere la salute dei campani bonificando subito quei luoghi e bloccando le coltivazioni circostanti con preventivo risarcimento agli agricoltori locali”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©