Politica / Parlamento

Commenta Stampa

BATTUTE FINALI: PARTITO DEMOCRATICO, SI PUO' CAMBIARE


BATTUTE FINALI: PARTITO DEMOCRATICO, SI PUO' CAMBIARE
11/04/2008, 22:04

Battute finali in vista della chiusura della campagna elettorale. Il Partito Democratico saluta Napoli ritrovandosi nel cinema Adriano. Un appuntamento per fare un bilancio di ciò che è stato e continuare a sperare nel futuro. Il Pd si ritrova protagonista quasi a sorpresa in una campagna che era iniziata, come ha sottolineato anche Massimo D’Alema, con il solo Berlusconi lanciato verso il traguardo. Un ultimo incontro con i cittadini per parlare di ciò che non va, di cosa vorrebbero e dei punti fondamentali del programma sui quali il Partito Democratico si batterà per il rilancio del mezzogiorno. I giovani sono al centro del dibattito, i politici presenti, in particolare Donato Mosella, candidato alla Camera Campania 1 Pd, hanno voluto chiarire la volontà di riconsegnare loro un futuro e una città in cui poter crescere, e ha spiegato come l’obiettivo sia quello di consegnare nelle mani dei cittadini un partito nuovo, diverso e capace di cambiare. La questione del mezzogiorno continua a essere predominante  e caratterizza gli incontri elettorali. Giulio Santagata, anch’egli candidato alla Camera Campania 1 Pd, evidenzia come i ragazzi meridionali siano mediamente più preparati dei settentrionali e siano, poi, costretti a emigrare. E’ una condizione innaturale da dover risolvere per far diventare il sud un punto di crescita per l’Italia tutta. Si batte il Pd perché crede che la destra sia anti-meridionale, il legame con la Lega Nord è troppo forte e in questi giorni spesso sono state sottolineate le parole di Bossi “imbracceremo i fucili” per fermare i romani. Il partito che candida Walter Veltroni come presidente del Consiglio batte molto sull’idea di mezzogiorno, non una palla al piede ma un punto su cui lavorare per crescere. Sul palco all’interno del cinema si scorge, poi, un’urna chiamata “del coraggio”, una scatola in cui le persone possono inserire i loro pensieri e parlarne poi insieme per avvicinare la politica alla gente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©