Politica / Benevento

Commenta Stampa

Benevento. Presentata stamani a Palazzo Paolo V l’iniziatica Sicurezza Anziani


Benevento. Presentata stamani a Palazzo Paolo V l’iniziatica Sicurezza Anziani
31/07/2012, 12:35

Benevento, 31 luglio 2012 – Presentata questa mattina a Palazzo Paolo V l’iniziativa Sicurezza Anziani”, che parte domani mattina e vedrà coinvolti il Comune di Benevento - IV Settore, l’Azienda Sanitaria Locale BN1, il Comando Provinciale Carabinieri di Benevento, la Questura di Benevento,la Polizia Municipale, il Consorzio Amistade, la Misericordia di Benevento ela Croce Rossa Italiana. Oltre all’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Benevento, Luigi Scarinzi, sono intervenuti il vicecommissario provinciale della Croce Rossa Italiana, Stefano Tangredi, il vicequestore aggiunto, Alessandro Salzano, e il comandante della compagnia dei Carabinieri di Benevento, ten. Angelo D’Aiuto.

Il servizioSicurezza Anziani” terminerà il 10 settembre e prevede l’attivazione di un numero verde (800 034 499) che consentirà di richiedere il servizio di pony express per la consegna a domicilio di farmaci e spesa e per eventuali segnalazioni di emergenze sociale e sanitaria, in particolare derivanti dalle eccessive ondate di calore. Il servizio si avvarrà della collaborazione di operatori della Misericordia nelle ore mattutine (9-14) e della Croce Rossa Italiana in quelle pomeridiane (14-20) e consentirà anche di ricevere un supporto piscologico agli anziani rimasti soli.

“E’ dal 2006 che offriamo nei mesi estivi un servizio volto a garantire una maggiore sicurezza sociale e sanitaria agli anziani della città, che, ricordiamo, attualmente sono circa 11.200 e rappresentano quindi una fetta consistente della nostra popolazione – ha spiegato l’assessore Luigi Scarinzi -.Quest’anno, purtroppo, a causa dei crescenti e noti tagli alla spesa, abbiamo registrato qualche difficoltà, superata in questi giorni soprattutto grazie all’importante apporto  delle associazioni di volontariato. La novità è, poi, rappresentata dall’adesione dei Carabinieri e del corpo di Polizia Municipale, che testimoniano la sinergia in atto tra le istituzioni per garantire una maggiore assistenza agli anziani”.

In base al protocollo d’intesa sottoscritto stamani l Comune di Benevento - Assessorato ai Servizi Sociali e Politiche per la Famiglia – si impegna:

-         a mettere a disposizione la propria sede e le proprie risorse umane per il coordinamento e la pianificazione delle attività, iniziali ed in itinere.

-         a promuovere attività di sensibilizzazione e pubblicità dell’iniziativa, attraverso manifesti e comunicati stampa;

 

l’Azienda Sanitaria Locale BN1 si impegna:

-         a promuovere attività di sensibilizzazione e pubblicità dell’iniziativa;

-         a sensibilizzare i medici di medicina di base;

-         ad allertare i presidi di continuità assistenziale e di guardia medica;

-         ad allertare i propri Presidi Ospedalieri e quelli accreditati al fine di assicurare, in caso di necessità e richiesta espressa, un posto letto;

 

la Compagnia Carabinieridi Benevento e la Questura di Benevento si impegnano:

-         a garantire la circolarità delle informazioni tra i partner;

-         a garantire la disponibilità delle centrali operative per la segnalazione e la pronta risposta;

-         ad assicurare la disponibilità d’intervento degli equipaggi sul territorio per la sicurezza urbana;

 

la Polizia Municipalesi impegna:

-         a  garantire quanto assicurato dalle forze dell’ordine sopra richiamate oltre mettere a disposizione degli utenti il proprio numero verde;

 

la Croce Rossa Italianae la Misericordia di Benevento si impegnano a garantire la circolarità delle informazioni tra i partner e ad attuare il servizio di call-center e il servizio del pony della solidarietà per la consegna a domicilio dei farmaci e della spesa;

 

il Consorzio Amistade si impegna infine:

-         a mettere a disposizione gratuitamente il proprio numero verde alla Croce Rossa Italiana e alla Misericordia di Benevento per l’attuazione del call-center e la ricezione delle segnalazioni;

-         a garantire azioni “promozionali” sul territorio per favorire la conoscenza delle attività del progetto e facilitare l’accesso degli utenti all’iniziativa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©