Politica / Napoli

Commenta Stampa

Beni architettonici, Palmieri: “Soprintendenza e Comune intervengano su Casi Maschio Angioino e Sant’Elmo”


Beni architettonici, Palmieri: “Soprintendenza e Comune intervengano su Casi Maschio Angioino e Sant’Elmo”
15/11/2011, 13:11

“Le feste che sempre più spesso accompagnano le iniziative culturali al Castel Sant’Elmo, e che più volte, come lamentato dagli abitanti del quartiere, si trasformano in veri e propri rave party che recano danno alle strutture e all’immagine del sito museale, ed anche la disastrosa condizione nella quale è stata ridotta dai automezzi la base dello splendido portale di ingresso del Maschio Angioino (vedi foto allegate) impongono un intervento serio e drastico della Soprintendenza e del Comune”.

Così il consigliere comunale, Domenico Palmieri, capogruppo di Liberi per il Sud del Consiglio Comunale di Napoli, che ha presentato un’interrogazione urgente al sindaco per sapere “quali iniziative si intendano adottare, anche in termini di sollecitazione di merito alla Soprintendenza, per preservare e garantire il dovuto decoro alle nostre più importanti risorse storico-architettoniche”

“Il caso del portale del Maschio Angioino, in verità, - aggiunge Palmieri - era già stato sollevato in passato, e a più riprese, - ha aggiunto Palmieri - dall’ex presidente della II Municipalità, Alberto Patruno, ma senza esito. Ora, anche rinviando alle buone intenzioni manifestate dall’attuale amministrazione comunale sul versante della valorizzazione delle nostre risorse culturali, voglio augurarmi che si intervenga con tutte le misure del caso. Autorizzando, ad esempio il transito a chi debba trasportare all’interno del Maschio Angioino impianti o quant’altro l’uso esclusivo di carrelli elettrici o, per ciò che attiene alle iniziative al Castel Sant’Elmo, l’adozione di un criterio di valutazione-filtro oggettivo per le autorizzazioni o comunque, in caso di serate musicali o danzanti, opportune procedure di controllo”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©