Politica / Politica

Commenta Stampa

Dal suo blog: "E' il miglior sponsor per i No Tav"

Beppe Grillo contro il procuratore Caselli

Il magistrato contestato per l'arresto di 26 attivisti

Beppe Grillo contro il procuratore Caselli
22/02/2012, 17:02

GENOVA - Beppe Grillo schierato con i No Tav. E attacca Gian Carlo Caselli, il procuratore di Torino molto contestato per gli arresti di 26 esponenti del movimento accusati di violenze negli scontri in Val di Susa. Lo fa senza giri di parole: nel suo blog c’è un fotomontaggio con Caselli-Superman, e il titolo: “Caselli, uno di noi”. Secondo il comico genovese il procuratore è “il miglior sponsor del movimento No Tav”. Il perché, è presto detto: “Le sue azioni – si legge - vanno giudicate per gli effetti”. Cioè quelli di portare “il verbo No Tav di città in città, da Milano a Genova con il pretesto della presentazione del suo libro ‘Assalto alla giustizia’”.

Le contestazioni – Il magistrato, infatti, è stato contestato proprio in concomitanza con le presentazioni del suo libro edito da Melampo. L’argomento centrale sono gli “assalti” che i magistrati subiscono quando indagano e giudicano su questioni delicate. L’ultima è proprio ieri, con le proteste a Genova. Ancora, a Milano sono state annullate due presentazioni per problemi di ordine pubblico.

“Caselli che equipara i No Tav ai camorristi – spiega Grillo nel post - è il miglior spot contro lo sperpero di 23 miliardi di euro per fare un tunnel per un traffico merci inesistente”. Il post va poi sui dettagli dell’inchiesta giudiziaria: “Se la Procura di Torino ha ritenuto di trattenere in carcere per settimane due donne incensurate, di cui una madre di tre figli, per ragioni come ‘concorso morale’, Caselli dovrebbe ricevere la cittadinanza onoraria dai comuni di Chiomonte e di Venaus per aver compattato e indignato decine di migliaia di valsusini e italiani”. 

Intanto, gli uomini della digos di Genova hanno avviato indagini per identificare gli quelli che ieri, a Genova, hanno dato vita alla nuova contestazione.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©