Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Giudici eversivi mi fanno lotta politica"

Berlusconi alla Faz: "Mai chiesto il lodo Alfano"


Berlusconi alla Faz: 'Mai chiesto il lodo Alfano'
22/10/2010, 11:10

ROMA - Questa mattina, i lettori della Frankfurte Allgemeine Zeitung - uno dei maggiori quotidiani tedeschi - hanno trovato una lunga intervista al Presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi. Una intervista che non contiene certo novità, per noi: il solito campionario di accuse inverosimili e di ricostruzioni lontane dalla realtà.
Per esempio, quando parla dei propri reati, Berlusconi dice: "Attualmente i giornali parlano di nuovi processi per evasione fiscale e corruzione. La verità è completamente diversa da quella proclamata dalla stampa di sinistra. Nessuno dei capi d'accusa rivolti da 17 anni contro di me da certa magistratura corrisponde alla verità. La realtà è che vengo attaccato da giudici di sinistra che abusano illegittimamente del loro potere per motivi di lotta politica. I giornali parlano di irregolarità fiscali commesse nel 2003 a Roma. In quel periodo come presidente del Consiglio non avevo più niente a che fare con il gruppo Mediaset presieduto da mio figlio e mia figlia. Si accusa l'azienda di aver evaso 1,9 milioni di euro nel 2003, quando per lo stesso periodo ha pagato 450 milioni di tasse. E comunque, non mi sono mai occupato di questioni tributarie relative al mio gruppo aziendale". Non mancano le esagerazioni sui numeri: "Ho già avuto 104 istruttorie; più di mille procuratori della Repubblica si sono occupati di me e delle mie aziende. Ho speso più di 300 milioni per gli avvocati. Ciononostante, non sono mai stato condannato. La gran parte dei giudici è seria. Per lo più si parla di influenza sui media. In concreto, però, le accuse sono risibili".
E quando il giornalista gli chiede delle leggi ad personam, la risposta è disarmante: "Non sono io che le ho chieste. Sono i miei alleati che se ne fanno promotori a mio favore, ricorrendo agli strumenti legali della democrazia. Per dirlo con parole chiare: sulla nostra democrazia grava un macigno. Nella magistratura abbiamo una corrente che agisce in modo eversivo cercando di procedere contro chi è stato eletto legalmente dal popolo. I processi vanno avanti già da molto tempo".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©