Politica / Politica

Commenta Stampa

Intanto il Pdl attacca Grasso sulla decadenza di Berlusconi

Berlusconi appoggia i "falchi" e anticipa il Congresso al 16/11


Berlusconi appoggia i 'falchi' e anticipa il Congresso al 16/11
07/11/2013, 09:01

ROMA - Manovre sempre più serrate all'interno del Pdl. Da una parte è stato Silvio Berlusconi a rompere gli indugi e a convocare il Congresso del Pdl al 16 novembre, cioè a sabato della prossima settimana. Una mossa richiesta dai "falchi" del suo partito, per impedire un lento stillicidio fatto di lotte interne e di dichiarazioni contrapposte; ma che probabilmente è stata dettata dalle prossime scadenze che riguardano il Cavaliere. Infatti, alla fine del Congresso ci sarà un documento (quasi sicuramente di sostegno assoluto ed incondizionato a Berlusconi), che senz'altro condizionerà le mosse successive del Pdl in vista del voto di decadenza previsto per il 27 novembre. Perchè a quel punto Alfano e i suoi dovranno scegliere se appoggiare Berlusconi o il governo. 
E a proposito della decadenza di Berlusconi, mercoledì sera è andata in onda l'ennesima lite sull'argomento. Era stato riunito il Consiglio di Presidenza del Senato, con lo scopo di valutare se il voto in Giunta sulla decadenza di Berlusconi fosse inficiato da comportamenti come quelli di Crimi, che pubblicò su Twitter le foto della seduta. Quando il Presidente del Senato Grasso ha detto che non ci sarebbe stata alcuna decisione, dato che non c'erano gli estremi per inficiare il voto, il Pdl e la Lega hanno abbandonato il Consiglio di Presidenza, facendo mancare il numero legale ed impedendo di chiudere la sessione.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©