Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Berlusconi assente ai processi “Mills” e “Ruby”, la reazione della Del Greco


Berlusconi assente ai processi “Mills” e “Ruby”, la reazione della Del Greco
25/05/2011, 11:05

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il 30 e 31 maggio prossimi non sarà presente al Tribunale di Milano per difendersi nei processi che lo vedono coinvolto. Ad annunciarlo l’ On. Niccolò Ghedini, legale del Premier, il quale ha giustificato l’assenza, motivandola come una missione istituzionale del suo assistito a Bucarest. L’imputato Berlusconi salterà dapprima l’udienza per il caso “Mills”, nel quale è accusato di appropriazione indebita e frode fiscale e il giorno seguente mancherà al dibattimento sullo scottante caso “Ruby”che lo vede accusato di prostituzione minorile e concussione.

“Una notizia che non mi sorprende - commenta netta Lea Del Greco, viceresponsabile per la Giustizia dell’Italia dei Diritti -, nonostante il nostro Premier abbia più volte spergiurato pubblicamente che avrebbe garantito ad ogni costo la sua presenza in tribunale nei processi che lo vedono coinvolto. Ma le promesse di Berlusconi, spesso decantate a gran voce sui mass media, soltanto per attrarre il consenso emotivo delle masse, nel corso degli anni sono state più volte smentite dai fatti e questa vicenda ne è l’ennesima conferma. Fortunatamente gli italiani – prosegue l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - si stanno a poco a poco destando dal torpore che sembrava aver paralizzato il senso critico del nostro popolo e hanno cominciato a prendere coscienza dell’inconsistenza dei buoni propositi dei politici che ci governano, come dimostrano i risultati delle ultime amministrative”.

Ulteriore giallo sull’udienza di “recupero” del processo “Mediatrade”, saltata a causa dell’indisposizione del testimone Attanasio e prevista per il prossimo 18 giugno. L’Avv. Ghedini infatti, pur confermando l’assenza di legittimi impedimenti non ha assicurato la presenza del Premier in quella data nelle aule del tribunale meneghino.

“ Per chi, come me – aggiunge la Del Greco - , ritiene che siano soprattutto i politici a dover dare il buon esempio e a dover incarnare nel quotidiano i valori che professano a parole, l’assenza di Berlusconi in tribunale per impegni istituzionali, privilegio non concesso ai comuni cittadini, è quantomeno biasimevole. Per queste ragioni – chiosa l’esponente dell’Italia dei Diritti - il 12 e il 13 giugno andremo a votare ‘sì’ al referendum per dire no alla normativa sul legittimo impedimento, affinché non accada più che si utilizzi l’istituto legislativo ad uso e consumo della casta, e la legge possa tornare ad essere uguale per tutti ”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©