Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier: "La magistratura politicizzata ci attacca"

Berlusconi attacca i Pm, Anm e Vietti li difendono

Prevista una manifestazione a Milano il 13 febbraio

Berlusconi attacca i Pm, Anm e Vietti li difendono
28/01/2011, 11:01

ROMA - Continuano gli attacchi del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi alla magistratura. Ne avrebbe parlato anche oggi in Consiglio dei Ministri: "Respingeremo ogni attacco della magistratura, il Paese deve tornare alla normalità democratica. Non possiamo consentire a dei pm di fare politica e di tenere sotto scacco il governo", avrebbe detto agli altri ministri.
Dichiarazioni che hanno provocato l'immediata risposta del vicepresidente del CSM, Michele Vietti: "Ai giudici si deve rispetto, un rispetto talora troppo trascurato. E'nel processo che si incarna lo stato di diritto e si assegnano torti e ragioni". Anche l'Anm difende i Pm: "Non c'è uno scontro istituzionale. C'è un'aggressione alla magistratura da parte di chi rifiuta il principio di uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge".
Intanto la contromossa mediatica del premier non si ferma qui. Il Pdl ha deciso di organizzare una manifestazione contro i magistrati milanesi, fissando la data del 13 febbraio allo scopo, a Milano, probabilmente in piazza Duomo. Una data scelta non a caso, perchè in quel giorno era prevista una manifestazione per protestare contro il fatto che i mass media e il governo non rispettano la dignità femminile. E sarà anche un caso unico nella storia repubblicana: il Presidente del Consiglio che scende in piazza contro esponenti di un altro potere costituzionale; per di più un potere che non ha nulla a che fare con la piazza.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©