Politica / Politica

Commenta Stampa

Lo afferma a Studio Aperto

Berlusconi: “Aumentata la criminalità con crisi”


Berlusconi: “Aumentata la criminalità con crisi”
04/01/2013, 20:03

ROMA -  Durante la sua ultima intervista a “ Studio Aperto”, l’ex Premier Silvio Berlusconi ha dichiarato: “L’austerità ha fatto sì che la recessione portasse l'aumento della criminalità. Il nostro è un Paese solido e forte, siamo la seconda economia dell'Eurogruppo, ma il segnale della criminalità è preoccupante e mette a nudo una politica economica sbagliata, incurante della sicurezza dei cittadini".
Il leader del Pdl con i numeri alla mano, ha poi continuato dicendo: “Lo dicono i dati del Viminale di oggi. I furti sono aumentati del 17%, gli scippi del 6% le truffe del 7%. Il confronto con l'anno precedente quando c'era il nostro governo sono un atto d'accusa per il cinismo del governo tecnico che diceva di voler salvare l'Italia e invece la impoveriva con le tasse mentre la criminalità aumenta e gli arresti sono diminuiti e questo non depone a favore dell'operato dei tecnici”.
L’ex Premier poi rivolgendosi agli elettori: “Un appello accorato che rivolgo al popolo dei moderati perché non si divida e non venga disperso il loro voto. Chi non si riconosce nella sinistra voti per il nostro movimento e per me che sono l'unico baluardo contro la sinistra e il suo carico di invidia del ceto medio e il suo carico di tasse sul ceto medio”.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©