Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'ufficio di presidenza del Pdl deciderà le alleanze

Berlusconi: "Basta con l'opportunismo dell'Udc"


Berlusconi: 'Basta con l'opportunismo dell'Udc'
20/01/2010, 20:01

ROMA – Il Popolo della Libertà deciderà dove e quando allearsi con l’Unione di Centro. Questo è il verdetto che Silvio Berlusconi ha rilasciato al margine di un incontro con il cardinale Camillo Ruini.
Inoltre il Cavaliere ha ribadito che la scelta di allearsi con l’Udc per le regionali spetta agli organi del Pdl preposti a questo scopo, un chiaro riferimento all’Ufficio di presidenza del Pdl che in queste ore sta esaminando le alleanze nelle varie regioni.
Il pemier è convinto che «non si debba tornare indietro alla repubblica dei partiti» senza che le alleanze siano fatte sulla base di «scelte opportunistichè». Berlusconi ha quindi aggiunto: «Io penso di essere libero anche durante la campagna elettorale, anche in una regione ove vi fosse un’eventuale alleanza con l’Udc, di rivolgere a questo partito delle critiche».
Il Presidente del Consiglio ha rivendicato il merito di aver contribuito ad introdurre il bipolarismo in Italia e si è augurato che il Pdl sia un partito assolutamente democratico, in cui le decisioni vengano assunte dagli organi a cui viene data la responsabilità dallo Statuto.
In ogni caso, ha proseguito, «ho una mia posizione abbastanza precisa sul fatto che non si debba tornare indietro alla Repubblica dei partiti e quindi le scelte debbano essere orientate dai valori, dai principi e dai programmi e non da scelte opportunistiche. Però - ha ribadito - lascerò all’Ufficio di presidenza il compito di decidere come si riterrà più opportuno». Ad una domanda sulla situazione nel Lazio e sull’eventualità di una rottura del patto con i centristi su Renata Polverini Berlusconi ha glissato. «Sono cose che esulano dalla mia competenza e ne sto fuori», ha detto, spiegando di non aver scelto i candidati e citando come esempio i casi di Abruzzo e Sardegna dove i candidati sono stati suggeriti «dalle forze locali». Infine, a chi gli chiede se non sarà difficile fare campagna elettorale con le alleanze a geometria variabile dei centristi, Berlusconi ha risposto: «penso di essere libero di fare la campagna elettorale e se in una regione vi fosse eventualmente un’alleanza con un partito la cui posizione politica io non condivido, penso di esse libero di rivolgere a questo partito delle critiche».

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©