Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Siate il megafono dell'azione del governo"

Berlusconi chiama alla mobilitazione "Contro disfattismi e personalismi"


Berlusconi chiama alla mobilitazione 'Contro disfattismi e personalismi'
09/08/2010, 13:08


ROMA - Una mobilitazione permanente di tutti i militanti per contrastare disfattismi e personalismi. Silvio Berlusconi rompe il silenzio. E lo fa attraverso una lettera ai Club della libertà. Un destinatario non casuale, visto che già nei giorni scorsi il premier aveva indicato tra le priorità, per il rilancio dell'azione di governo, proprio il rafforzamento del partito sul territorio. Il premier chiede ai suoi sostenitori di essere il "megafono del governo" e di comunicare attraverso "il più grande porta a porta mai realizzato in Italia" i risultati della maggioranza. Nella lettera del presidente del Consiglio non mancano i riferimenti "polemici". Sotto accusa i "disfattismi" e i "personalismi" di chi "antepone i propri interessi al bene di tutti" e che negli ultimi dieci giorni hanno prodotto le "solite chiacchiere". Un riferimento evidente allo strappo con i finiani.
Mobilitazione permanente. "La mobilitazione permanente è necessaria per contrastare i disfattismi e i personalismi di chi antepone i propri particolari interessi al bene di tutti, al bene del Paese". Così Silvio Berlusconi, invita gli iscritti ad "essere il megafono dell'azione di Governo sul territorio". Il premier chiede ai suoi sostenitori di comunicare l'azione della maggioranza e annuncia l'intenzione di collocare in ogni piazza degli 8100 comuni italiani un banchetto o un gazebo "che spieghino quanto il governo è riuscito a realizzare in due anni di appassionato lavoro".
Il più grande porta a porta. "Per questo motivo", continua Berlusconi, "vi chiedo la disponibilità a partecipare a questa grande opera di diffusione attraverso una capillare rete di militanti basata sulla suddivisione delle 60 mila sezioni elettorali. Sarà il più grande porta a porta mai realizzato in Italia, ed è per questo che chiedo il contributo di tutti coloro che credono negli ideali di libertà". "Da settembre quindi dobbiamo impegnarci tutti e di più!", sottolinea il presidente del Consiglio.
"Siamo giunti", conclude il premier", "alle meritate vacanze al termine di un anno difficile nel quale il governo ha affrontato con determinazione, con efficacia e con competenza le sfide per un'Italia più moderna e sicura. In questi ultimi dieci giorni, mentre altri producevano le solite chiacchiere, noi abbiamo approvato quattro importanti provvedimenti".

Commenta Stampa
di C.C.
Riproduzione riservata ©