Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il mistero del pollice verso di Bossi

Berlusconi chiede la fiducia per far tacere il dissenso interno?


Berlusconi chiede la fiducia per far tacere il dissenso interno?
16/06/2011, 17:06

ROMA - Silvio Berlusconi si appresta a giocare il tutto per tutto, contando sul ricatto (neanche tanto sottile) del: o mi votate oppure vi trovate senza seggio nel prossimo Parlamento. Per questo appare intenzionato a chiedere una doppia fiducia: sia sulla legge di conversione del decreto legge sullo sviluppo, in discussione alla Camera, sia su una eventuale mozione di maggioranza da approvare mercoledì prossimo, quando alle 11 il premier si presenterà in Parlamento per la verifica chiesta dal Presidente della Repubblica. Un doppio colpo per tentare di arginare la Lega Nord, che sta cercando di prendere le distanze dal premier. Non per niente oggi, nella conferenza stampa dopo il Cdm, quando uno dei giornalisti ha chiesto al Ministro dell'Interno Roberto Maroni se la maggioranza terrà, la risposta è stato un sibillino: "Aspettate Pontida", cioè la riunione del Carroccio che verrà fatta domenica prossima.
In questa situazone, arriva la risposta di oggi del leader leghista Umberto Bossi. Interrogato dai giornalisti sulla tenuta del governo, Bossi ha fatto per due volte il segno del pollice verso, quello che gli imperatori romani usavano 2000 anni fa per sentenziare la morte del perdente negli scontri tra gladiatori. Un significato del genere è abbastanza univoco, ma successivamente è intervenuto un comunicato stampa della Lega Nord in cui si diceva che il gesto era riferito ai giornalisti. La stessa cosa ha detto Berlusconi quando gli è stato chiesto di commentare il gesto del Senatur. Ma sarà veramente così?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©