Politica / Politica

Commenta Stampa

Intervista rilasciata a Belpietro su Canale 5

Berlusconi contro i magistrati: "Tarantini? Ho aiutato una famiglia rovinata da loro"


Berlusconi contro i magistrati: 'Tarantini? Ho aiutato una famiglia rovinata da loro'
12/09/2011, 11:09

MILANO - Intervento del premier questa mattina su Canale 5, al programma "La telefonata", con Maurizio Belpietro. Un intervento nel quale si è distinto per il solito attacco ai magistrati. Parlando del fatto che si è rifiutato di essere interrogato, in qualità di parte offesa, dai magistrati di Napoli che indagano sulla presunta estorsione compiuta da Giampaolo Tarantini, dalla moglie Angela "Nicla" Davenuto e di Valter Lavitola, Silvio Berlusconi è andato giù duro: "Ho ritenuto di andare a Bruxelles e Strasburgo per spiegare, carte alla mano, la manovra e l'assoluta volontà del governo di raggiungere il pareggio di bilancio. Non credo sia un reato aiutare una famiglia con figli piccoli, con un'altra famiglia a carico, passata dall'agiatezza alla miseria, anche per l'intervento dei magistrati".
Poi ha detto che non è vero che non ci sono sacrifici chiesti ai politici: "ai parlamentari abbiamo chiesto un supplemento in più, c'è la soppressione totale delle Province, il dimezzamento del numero dei parlamentari (cosa falsa: l'abolizione delle Province è stata messa in un disegno di legge costituzionale, di incerta approvazione; nessuna legge è stata fatta sul dimezzamento dei parlamentari, ndr). Quando si fa una manovra come questa si deve badare alla sostanza, quindi era logico concentrarsi su misure di contenuto".
Per l'ennesima volta poi, parlando del Pdl, ha negato che ci saranno primarie o altre espressioni di democrazia interna: " Non penso che sia opportuno modificare l'assetto di vertice con Alfano segretario politico affiancato dai tre coordinatori".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©