Politica / Politica

Commenta Stampa

"La Costituzione offre molte strade"

Berlusconi: "Crisi del Governo? Non è colpa mia"

Il Cavaliere smentisce la candidatura della figlia Marina

Berlusconi: 'Crisi del Governo? Non è colpa mia'
22/08/2013, 11:54

ROMA  - 'Diranno che e' colpa mia se i ministri del Pdl valuteranno le dimissioni davanti al massacro giudiziario del loro leader eletto da milioni di italiani. Ma io mi domando: se due amici sono in barca e uno dei due butta l'altro a mare, di chi è la colpa se poi la barca sbanda?''. Con questa metafora ‘goliardica’ Silvio Berlusconi risponde alle domande in un’intervista al settimanale ‘Tempi’, scaricando così tutta la resposabilità della crisi del Governo sul Pd. E aggiunge, parlando della sentenza che lo riguarda da vicino: “La Costituzione e il buon senso offrono molte strade. Se avessi voglia di sorridere, potrei dirle che 'non possono non saperlo': vale per tutti gli attori politici e istituzionali.”
Anche in caso di dimissioni, poi, sottolinea il Cavaliere, che possono sottrargli tutto ciò che vogliono ma sicuramente non tre cose: “il diritto di parola sulla scena pubblica e civile italiana; il diritto di animare e guidare il movimento politico che ho fondato; il diritto di essere ancora il riferimento per milioni di italiani, finché questi cittadini liberamente lo vorranno’.
E riferendosi al dibattito sulla successione, anche Berlusconi ci tiene a smentire la candidatura di sua figlia Marina: “È stata una leonessa nelle sue uscite pubbliche di questi mesi. Il suo valore di persona, di imprenditrice, di donna, di cittadina, è sotto gli occhi di tutti. Le ho dato alcuni consigli, con amore e credo con lungimiranza e sono assolutamente sicuro che non scenderà in campo al mio posto”.

Commenta Stampa
di Francesca Galasso
Riproduzione riservata ©