Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sgarbo a Montezemolo mentre saliva sul palco

Berlusconi: "DDL popolare per dare più poteri al Premier"


Berlusconi: 'DDL popolare per dare più poteri al Premier'
21/05/2009, 13:05

Adesso è chiaro perchè il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha preferito non andare in Parlamento per parlare dei suoi problemi con la giustizia. L'ha dimostrando prendendo la parola all'assemblea di Confindustria, davanti tutti gli altri industriali. Scontato l'attacco contro i giudici, dopo il deposito delle motivazioni del processo contro David Mills. "La giustizia penale è una patologia nel nostro sistema. I giornali oggi dicono che non è possibile criticare i giudici, ma criticare i giudici è un diritto di ogni cittadino". E quindi "metteremo tutto il nostro impegno nella riforma della giustizia penale (quella depositata in Parlamento e che prevede la trasformazione del Pubblico Ministero in un burattino passacarte nelle mani del governo, ndr) e non ci fermeremo fino alla divisione delle carriere".
Inoltre ha dato stura al proprio populismo: "Avete un governo che per la prima volta è retto da un imprenditore e da una squadra di ministri che sembrano membri di un Cda per la loro efficienza. Dobbiamo però fare i conti con una legislazione da ammodernare perché il premier non ha praticamente nessun potere e dovremo arrivare ad un ddl di iniziativa popolare perché non si può chiedere ai capponi e ai tacchini di anticipare il Natale". Perchè come si vede, per il nostro premier conta che lui abbia ed eserciti il potere assoluto; non la necessità di creare qualcosa che fermi eventuali (e anche non eventuali) derive di regime.
Gesto sgarbato di Berlusconi prima di salire sul palco. Luca Cordero di Montezemolo è andato verso di lui per stringergli la mano, ma il premier gli ha voltato le spalle e l'ha palesemente ignorato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©