Politica / Parlamento

Commenta Stampa

BERLUSCONI: "ENTRO LUGLIO PULIREMO NAPOLI"


BERLUSCONI: 'ENTRO LUGLIO PULIREMO NAPOLI'
11/06/2008, 18:06

Berlusconi torna a Napoli, e promette di pulirla entro luglio.
Risolvere la grave emergenza, ha ricordato il presidente del Consiglio, nella lunga giornata che lo ha visto protagonista, e poi, in una seconda fase, far sapere a tutto il mondo che ciò che è accaduto a Napoli in questo periodo, “è stata solo una follia passeggera”, così da tentare di riportare in equilibrio le prenotazioni dei turisti in città, calate del 50-60%.
Nel discorso d’apertura della conferenza stampa, Berlusconi ha sottolineato l’importanza dell’Esercito che “ha, tra i suoi compiti, l’essere disponibile quando ci sono delle emergenze” da risolvere.
L’idea, è quella di andare avanti per la strada intrapresa senza lasciarsi intimorire dalle “minoranze” non concordi con i piani attuati.
Il premier, poi, ha evidenziato come il decreto sia “stato visionato da Consiglio superiore della magistratura”, un orgoglio secondo Silvio Berlusconi, “il ritorno dello stato”, ha affermato il presidente del Consiglio, si traduce con il fatto che “non accadrà più che delle minoranze” contrastino i lavori del governo. Continua, quindi, la linea dura nei confronti di chi si opporrà ai lavori, alle decisioni ed ai programmi istituzionali, una fermezza chiara fin dal primo momento della nascita del governo Berlusconi.
Il premier, conferma, poi, la decisione di intraprendere il disegno di legge per evitare le intercettazioni, consentite solo in casi che prevedono una pena dai 10 anni in su, definendo una “degenerazione”, tutto ciò che è avvenuto in Italia a riguardo in questi ultimi anni.
Termovalorizzatore di Acerra, pronto entro fine anno.
 

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©