Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Si va al voto al primo incidente di percorso"

Berlusconi: "I sondaggi mi danno al 60%, Fini è all'1,5%"


Berlusconi: 'I sondaggi mi danno al 60%, Fini è all'1,5%'
03/08/2010, 09:08

ROMA - Un Silvio Berlusconi pimpante, quello che ieri ha intrattenuto deputati e senatori del Pdl ad una cena/comizio in un ristorante romano. Innanzitutto non potevano mancare gli ultimi sondaggi, "appena arrivati" come è suo solito: "I sondaggi che ho avuto oggi pomeriggo - danno me ancora oltre il 60% e 3 punti in più per il partito. E' convenienza di tutti non andare a casa, con la differenza che noi siamo sicuri dei risultati positivi che otterremmo. Un sondaggio commissionato il giorno dopo dà un possibile partito di Fini all'1,5%. Prima si discuteva di tutto, ora sarà più facile andare a discutere con i rappresentanti di questi gruppi. Certamente le decisioni non dovranno cascare dalle stelle, ma dovranno avwere le radici nel nostro programma". Poi si è parlato anche della mozione di sfiducia a Caliendo, con un Berlusconi sicuro che i finiani bloccheranno la mozione perchè "al primo incidente si va a votare". Poi il premier ha negato le notizie sulla campagna acquisti che sta facendo tra i finiani e gli esponenti di altri partiti: "Io non ho fatto nessuna telefonata a esponenti finiani o di altri partiti, ho avuto contatti con persone che mi hanno cercato assicurandomi lealtà al governo e al programma elettorale".
Naturalmente non potevano mancare gli attacchi alla magistratura, a cominciare dalla Costituzione, accusata di essere organica alla sinistra, che ha nominato 11 dei suoi 15 membri. E di sinistra è anche Napolitano, secondo Berlusconi: "Lo staff del presidenze della Repubblica controlla anche gli aggettivi delle leggi che gli sottoponiamo per cui ciò che nasce un cavallo purosangue, esce come un ippopotamo. Alla fine in comune hanno solo la suffisso 'ippo'". SUccessivamente la solita nota da Palazzo CHigi che ha smentito le dichiarazioni del premier contro il Presidente della Repubblica.
In realtà sulla mozione di sfiducia per Caliendo il premier va sul sicuro, grazie all'astensione che verrà praticata non solo dei finiani, ma anche dell'Udc. A questo punto i partiti dell'opposizione, Idv esclusa, allo stato delle cose, potranno continuare con i loro tentativi di inciucio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©