Politica / Politica

Commenta Stampa

Si parla di associazioni o fondazioni

Berlusconi: in arrivo i servizi sociali

Entro il 15 ottobre il Cavaliere deve decidere

Berlusconi: in arrivo i servizi sociali
08/10/2013, 10:22

ROMA -  Il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, torna oggi a Roma e ad attenderlo ci sono molti nodi da sciogliere. Oltre a quelli politici, che rendono esplosiva la situazione all’interno del suo partito, ci sono anche quelli personali, legati alla sua situazione giudiziaria. Entro il 15 ottobre, il Cavaliere deve decidere se chiedere di scontare la sua pena per la condanna Mediaset in affidamento ai servizi sociali, anziché agli arresti domiciliari. Se la richiesta non arriverà nei termini previsti, e dunque nei prossimi giorni, scatteranno automaticamente gli arresti, nella sua casa romana dove ha deciso di spostare la sua residenza.

Secondo fonti vicine al Cavaliere la decisione di richiedere l’ammissione ai servizi sociali è stata presa. Si parla di tre associazioni o fondazioni, ma al momento sono poche le indiscrezioni sulla possibile scelta. Contatti ci sarebbero stati con il Ceis di don Picchi, comunità di recupero di tossicodipendenti dove già svolse i servizi sociali Cesare Previti, ma anche altre associazioni e comunità si sono fatte avanti.

Ieri, pubblicamente, ha offerto “ospitalità” con tutti gli onori e per un lavoro quotidiano di “quattro-cinque ore” Mario Capanna, presidente della “Fondazione diritti genetici”.  Ma  molto forte resta l’ipotesi che - alla fine - la sua scelta ricada su qualche associazione legata al Partito radicale, magari “Nessuno tocchi Caino” che si occupa di problemi legati alla giustizia, alla pena capitale, alle carceri e che ospitò in regime di semilibertà Fioravanti e la Mambro.

Ma per ora solo ipotesi, vedremo nei prossimi giorni.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©