Politica / Parlamento

Commenta Stampa

SI avanza l'ipotesi di un "discorso alla nazione"

Berlusconi in aula nei prossimi giorni? Ma a dire cosa?


Berlusconi in aula nei prossimi giorni? Ma a dire cosa?
01/08/2011, 10:08

ROMA - E' praticamente sparito dalla scena politica italiana dall'inizio di luglio, Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio è stato sistematicamente assente da quando è iniziato l'attacco speculativo contro l'Italia: nella manovra finanziaria, si è giovato dell'aiuto del Presidente della Repubblica, che ci ha messo la faccia; stessa cosa durante la discussione del cosiddetto processo lungo (ennesima legge ad personam che renderà impossibile processare chi ha avvocati e denaro); non una parola sugli scandali che hanno coinvolto i deputati del Pdl Milanese, Papa e così via. Ma la situazione non può continuare a lungo in questa condizione. E quindi si esamina la possibilità, in ossequio anche delle richieste dell'opposizione, di un intervento di Berlusconi in Parlamento.
Ma per dire cosa? Il solito elenco delle "cose fatte", che in realtà esistono solo nella fantasia del governo oppure che hanno prodotto solo effetti negativi? Una serie di promesse inattuabili (le tanto famigerate riforme), dato che la maggioranza si sta disgregando e non c'è coesione per fare nulla? I mercati starebbero a guardare con molta attenzione l'eventuale discorso, ma dopo colpirebbero l'Italia pesantemente, dato che sarebbe un intervento che dimostrerebbe la fragilità e la debolezza dell'Italia. Insomma, un tentativo che potrebbe essere fatto (se ne discuterà nel prossimo Consiglio dei Ministri) che che è estremamente rischioso. E probabilmente inutile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©