Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Premier in difficoltà su affido ministero sviluppo economico

Berlusconi indeciso su scelta erede di Scajola


Berlusconi indeciso su scelta erede di Scajola
01/06/2010, 21:06

ROMA  - Tempo pochi giorni, e Silvio Berlusconi svelerà il nome del nuovo ministro per lo sviluppo economico. Almeno questi i tempi sperati, anche se la nomina del nuovo tassello della squadra di Governo sembra tardare a venire. Il ricevimento di quest’oggi al Quirinale per la Festa della Repubblica è stata l'occasione per Silvio Berlusconi per affrontare a più riprese l'argomento della nomina del nuovo ministro per lo Sviluppo economico. Strano caso (ma neanche troppo), il presidente del Consiglio ha anche incontrato e salutato alcuni dei candidati alla successione: il viceministro Paolo Romani, e il Garante dell'antitrust, Antonio Catricalà. Ma è stato con il segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa, e l'amministratore delegato dell'Enel, Fulvio Conti, che il cavaliere ha affrontato direttamente il tema. Parlando con Conti, il premier ha fatto riferimento proprio a Cesa: "Gli ho detto, datemi il ministro voi. Siete così bravi che siete da tanto tempo in vacanza. Ma loro hanno detto che stanno bene in vacanza". Conti gli ha risposto: "Se gli fai un buon contratto, vedrai che accetta". Una battuta rapida per il premier, prima di tornare serio nei toni e ammettere: “Sono veramente in difficoltà a fare questa cosa”. Dopo le dimissioni di Claudio Scajola coinvolto negli scandali sugli appalti delle Grandi opere, Berlusconi ha assunto l'interim del ministero dello Sviluppo.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©