Politica / Parlamento

Commenta Stampa

BERLUSCONI INDIGNATO: “CONTRO DI ME PERSECUZIONE INACCETTABILE”


BERLUSCONI INDIGNATO:  “CONTRO DI ME PERSECUZIONE INACCETTABILE”
24/07/2008, 17:07

“Quando la finirete di non capire o di far finta di non capire che contro di me c'é stata una persecuzione inaccettabile, sarà sempre troppo tardi” – ha dichiarato con fare indignato Silvio Berlusconi ai giornalisti, al termine dell'incontro a Palazzo Chigi con il premier della Repubblica di Malta Lawrence Gonzi. “Il Lodo Alfano, è il minimo che una democrazia potesse apprestare a difesa della propria libertà” - ha detto Berlusconi. A chi gli chiedeva se si avvarrà del Lodo Alfano, il presidente del Consiglio si è limitato a rispondere “avevo già detto inutilmente che non mi sarei avvalso della clausola sospendi processi che è stata chiamata salva premier”. “Contro di me – ha seguitato ad affermare - c'é stata una persecuzione che è durata 14 anni e il presidente del Consiglio dal 30 giugno al 15 luglio sarebbe dovuto andare in udienza un giorno sì ed un giorno no, oltre alle 2.503 udienze sostenute negli ultimi 14 anni. Quindi – ha concluso- non avrebbe potuto né convocare il Consiglio dei ministri, né andare al G8”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©