Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier:"Insolente non accettare la mia proposta"

Berlusconi infuriato per il rifiuto:"Bersani irresponsabile"

Si assicurano riforma dell'Articolo 41 e piano per il Sud

Berlusconi infuriato per il rifiuto:'Bersani irresponsabile'
31/01/2011, 20:01

ROMA - Popolarità in calo, crisi economica, Ruby-gate, finiani fuori dalla maggioranza, il terzo polo, la minaccia delle elezioni anticipate e la Lega Nord sempre più gagliarda e "pesante" nel settentrione: Silvio Berlusconi si è reso conto della delicatezza della situazione politica contingente e si è spinto addirittura a strizzare l'occhiolino alla tanto demonizzata (e sbeffeggiata) opposizione.
Immediata e secca la risposta del Pd: "No, grazie". A quel punto, la contro-replica del premier, non si è fatta attendere ed è stata molto eloquente:"Prendo atto delle risposte propagandistiche e degli atteggiamenti irresponsabili e insolenti di una parte delle opposizioni di fronte all'unica proposta seria in campo per rilanciare l'economia e la società italiana e per curare nel solo modo possibile, e cioè con un grande piano nazionale per la crescita, il debito pubblico. Ma il governo e la maggioranza faranno comunque la loro parte nel Parlamento e nel Paese con il rigore istituzionale necessario e auspicato da tutti, a partire dal Presidente della Repubblica".
Il gioco in Parlamento ripartirà con la modifica dell'articolo 41 ed il tanto propagandato piano fiscale per il Sud. Già per venerdì, il Consiglio dei Ministri presenterà una proposta di riforma costituzionale "in senso liberalizzatore dell'articolo 41 già definita dal Ministro dell'Economia". Ad annunciarlo con ufficialità è la nota diffusa dallo stesso Berlusconi:"In sei mesi dobbiamo arrivare a stabilire che è lecito intraprendere e fare tutto quello che non è espressamente vietato dalla legge. Bisogna liberare - asserisce il premier - definitivamente l'Italia dalla mentalità assistenzialista e statalista che deprime lo sviluppo, ostacola gli investimenti e la creatività dei mercati, distrugge ricchezza e lavoro, minaccia il futuro delle giovani generazioni".
A questi interventi, assicura la presidenza del Consiglio, "si aggiungerà un piano di immediata defiscalizzazione e deregolamentazione per la rinascita del Mezzogiorno, per il quale si stanno approntando da mesi gli strumenti operativi".

CROLLO DELLE IMPOSTE PATRIMONIALI
Ma il Cavaliere si spinge ancora oltre con la propaganda ed assicura:"Il partito dell'imposta patrimoniale e dell'ipoteca pubblica sul patrimonio immobiliare, che si organizza con ogni evidenza per un nuovo esproprio di ricchezza a vantaggio della casta statalista e centralizzatrice, non deve prevalere. Questo partito riceverà un primo, decisivo colpo con il varo dei decreti sul federalismo fiscale". 
l governo ha sbarcato l'ultimo nucleo organizzato di politicanti incapaci di vedere oltre la frontiera della Prima repubblica -
ha infatti rivendicato il primo ministro - , e ora ha la forza per realizzare il suo programma proponendo un confronto parlamentare serio sulle questioni di vero interesse nazionale che riguardano i cittadini, le imprese, i giovani e i lavoratori. Chi si assumesse la responsabilità di sabotare con atteggiamenti ostruzionistici questo che è il programma votato dalla maggioranza degli italiani - ha aggiunto Berlusconi - ne renderà conto agli elettori, giudici sovrani esclusivi della politica nazionale"

IL SALTO DEL PIL
Berlusconi ha poi voluto concludere in bellezza la propria parata di annunci promettendo che "entro la fine del mese di febbraio il governo riunirà gli Stati Generali dell'Economia e presenterà il suo rapporto per la crescita, con l'obiettivo di raggiungere entro cinque anni livelli di incremento del Prodotto interno lordo del 3-4%".
Per il premier, infatti "Senza una straordinaria frustata al cavallo, senza una irresistibile spinta di libertà e di autonomia a quella che resta una grande economia mondiale, senza uno stretto collegamento in Europa con l'economia tedesca e con quella francese, non c'è cura possibile per il debito pubblico".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©