Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Poi: "I Tribunali fanno sentenze politiche"

Berlusconi: "Intervento sull'Agcom doveroso"


Berlusconi: 'Intervento sull'Agcom doveroso'
19/03/2010, 13:03

ROMA - Solito monologo di Berlusconi davanti ai giornalisti al termine del Consoglio dei Ministri che ha approvato il dl incentivi. Ed è un Berlusconi baldanzoso, quello che si presenta, nonostante il flop di ieri a Napoli, quando ha parlato davanti ad una platea quasi vuota. E soprattutto molto aggressivo contro i giudici: "Nei nostri tribunali in cui non si esaminano più meriti o demeriti di qualcuno, ma si danno dei giudizi in base all'appartenenza politica dei giudici e ciò che conviene alla sinistra politicizzata della magistratura". Inoltre, forte dell'impunità che gli garantiscono le leggi che si è fatto, non nega di avere commesso dei reati, agendo contro la trasmissione Annozero, con l'aiuto del dirigente dell'Autorità per le telecomunicazioni, Giancarlo Innocenzi: "I processi in tv con attori che interpretano persone che non si possono difendere sono un'ignominia che non si può tollerare in un Paese civile. È doveroso chiedere all'Agcom di intervenire per chiedere di fermare l'ignominia delle trasmissioni di Santoro che non consentono agli accusati di difendersi. Al di là di ogni ipocrisia per cui queste sono autorità indipendenti, un membro nominato da un partito e che rispondeva all'Udc non faceva maggioranza con gli altri. Quindi in queste autorità non vince il buon senso ma l'appartenenza politica".
Poi ha manifestato ancora ottimismo sulla crisi economica che attanaglia l'Italia: "Ne stiamo uscendo non con estrema rapidità, ma in maniera certa. Certamente non lasceremo nessuno senza lavoro". Peccato che nel 2009 già 720 mila persone sono rimaste senza lavoro, e per il 2010 se ne prevedono un milione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©