Politica / Politica

Commenta Stampa

"Colpa della Germania se si è aggravata la situazione"

Berlusconi: "Italiani ricchi, non sono preoccupato per la crisi"


Berlusconi: 'Italiani ricchi, non sono preoccupato per la crisi'
08/12/2011, 14:12

MARSIGLIA (FRANCIA) - L'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è a Marsiglia, in Francia, per il decimo vertice tra i partiti che formano il Partito Popolare Europeo. E qui ha intrattenuto brevemente i giornalisti, a margine degli incontri, professando notevole ottimismo per la situazione economica del nostro Paese: "L'Italia ce la farà, non ho mai avuto dubbi. Perché se sommiamo il nostro debito pubblico alla finanza privata restiamo il secondo paese più solido d'Europa, secondo solo alla Germania, prima di Svezia, Francia e Gran Bretagna. Pertanto, non dobbiamo essere preoccupati". Ha poi aggiunto che non ci sono alternative alla crisi: "Se non si arriverà a dare alla Bce un ruolo di ultima garanzia, che garantisca i debiti sovrani degli Stati, non si arriverà a nessuna soluzione". Così come diventa necessario, secondo il premier, l'uso degli eurobond.
Ma ce n'è anche per la Germania, come è stato postato sul profilo dell'ex premier di Facebook: "La posizione tedesca è stata molto rigida. Queste rigidità hanno causato anche situazioni negative, come ad esempio la gestione del debito greco e gli interventi dell'Europa sulla Grecia, che sono state interamente responsabili di quello che abbiamo visto e a cui abbiamo assistito".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©