Politica / Politica

Commenta Stampa

Depositate le motivazioni della sentenza di condanna.

Berlusconi, la Cassazione: "Ideatori del sistema di illeciti"


Berlusconi, la Cassazione: 'Ideatori del sistema di illeciti'
29/08/2013, 14:52

ROMA - Le motivazioni della sentenza di condanna inflitta a Berlusconi in Cassazione nell'ambito del processo Mediaset per i diritti televisivi sono state depositate questa mattina: "Berlusconi ideatore del meccanismo del giro dei diritti che a distanza di anni continuava a produrre effetti (illeciti) di riduzione fiscale per le aziende a lui facenti capo in vario modo". Questo è quanto hanno scritto i giudici della sezione feriale della Cassazione, presieduti da Antonio Esposito, nelle motivazioni della sentenza con la quale è stata confermata la condanna a 4 anni di reclusione per Silvio Berlusconi. Tale sistema, secondo i giudici della Suprema Corte «ha permesso di mantenere e alimentare illecitamente disponibilità patrimoniali estere presso conti correnti intestati ad altre società che erano a loro volta intestate da fiduciarie di Berlusconi». Corretta quindi la valutazione dei giudici di mericto, che hanno provato l'esistenza di «un gioco di specchio sistematico che rifletteva una serie di passaggi privi di giustificazione commerciale e ad ogni passaggio la lievitazione dei costi era, a dir poco, imponente». Per i giudici, Berlusconi «conoscendo perfettamente il meccanismo, ha lasciato che tutto proseguisse inalterato, mantenendo nelle posizione strategiche i soggetti da lui scelti e che continuavano a occuparsi della gestione in modo da consentire la perdurante lievitazione dei costi di Mediaset a fini di evasione fiscale». Nelle motivazioni di 208 pagine della sentenza n. 35729/13, i giudici della Suprema Corte sottolineano che e' proprio Berlusconi "il soggetto che in ultima analisi, anche dopo l'assunzione della veste di azionista di maggioranza, continuava a godere della ricaduta economica del sistema praticato".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©