Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Messaggio del premier durante la commemorazione di Cossiga

Berlusconi: "La Costituzione non è un dogma"


Berlusconi: 'La Costituzione non è un dogma'
12/10/2010, 18:10

ROMA - Dopo tutto lo fece anche Cossiga: “Da capo dello Stato non esitò a picconare la Costituzione che non riteneva un dogma ma una carta delle regole democratiche che riconosce al suo stesso interno la possibilità di essere adattata e riformata ai tempi”. E se Cossiga riconobbe la possibilità di “ammodernare lo Stato anche cambiando la Costituzione”, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non si fa sfuggire l’occasione per attaccare la Carta fondativa, seguendo l’esempio del picconatore della storia repubblicana.
Qualcuno si sarebbe aspettato una settimana di silenzio, ma il premier, nonostante i giorni di riposo prescrittigli al termine dell'operazione ai tendini della mano sinistra, non ha voluto far mancare il suo contributo in occasione della commemorazione di Francesco Cossiga al Senato. E con un messaggio ai senatori di Palazzo Madama ha voluto ricordare le affinità che lo accomunano all'ex Presidente della Repubblica. “I principi cattolici liberali che hanno ispirato l'azione di Cossiga sono valori preziosi - ha scritto Berlusconi nel messaggio letto in Aula da Gianni Letta -. Il suo esempio è stato importante soprattutto per me che, prestato alla politica, ho deciso di scendere in campo per difendere la libertà minacciata da forze illiberali".
E ancora un riferimento alla Costituzione. "Da capo dello Stato Francesco Cossiga non esitò a picconare la Costituzione che non riteneva un dogma ma una carta delle regole democratiche che riconosce al suo stesso interno la possibilità di essere adattata e riformata ai tempi. Cossiga riconobbe la possibilità di ammodernare lo Stato anche cambiando la Costituzione". "Anche per questo tutti gli italiani non lo dimenticheranno - conclude il Premier -. Ora e sempre per Cossiga ci sarà un posto nel Pantheon di tutti i liberali e i democratici che si sono battuti per la libertà".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©