Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Berlusconi: "Le case all'Aquila saranno disponibili entro il 15 settembre"


Berlusconi: 'Le case all'Aquila saranno disponibili entro il 15 settembre'
25/06/2009, 14:06

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, parlando oggi all'assemblea di Farmindustria, ha rassicurato gli sfollati dell'Aquila che potranno rientrare nelle loro case entro il 15 settembre. Inoltre ha assicurato che il governo ha stanziato e stanzierà soldi per la ricostruzione delle case, anche se si tratta di seconde case: 150 mila euro per una casa distrutta, 80 mila per una lesionata.
Poi, parlando della crisi, ha detto che l'Italia la sta affrontando bene, come dimostrano i sondaggi di popolarità che lo riguardano, attestati al 61% (ma non erano il 75% solo ad inizio mese? ndr), un vero record per l'Occidente. Inoltre ha annunciato che i leader del G8 sono molto interessati ad investire grandi risorse nella ricostruzione dei monumenti distrutti dal sisma che ha colpito l'Abruzzo.
Insomma, siamo alla solita marea di menzogne. Per il 15 settembre non sarà terminato neanche l'esame delle case per verificare se sono lesionate e quanto lo sono, secondo auqnto detto dai tecnici. Al massimo faranno come hanno fatto con il centro storico dell'Aquila, dove hanno aperto 200 metri di strada come se avessero fatto chissà che cosa. In realtà la gente resterà nelle tendopoli almeno fino a fine anno, visto che non ci sono le risorse per comprare le case necessarie a tutti. Lo stesso con i soldi per la ricostruzione. Non è stato stanziato neanche un centesimo. I soldi arriveranno in base al fatto se andrà bene il "gratta e vinci" e le altre misure estemporanee create. Ma comunque saranno soldi insufficienti per la ricostruzione. Ma basta dire queste cose, come basta dire che ha il gradimento del 61% per avere stampa e TV che spaccia tutto questo come se fossero notizie.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©