Politica / Politica

Commenta Stampa

In realtà, c'è solo un cambio di consegne secondo la legge

Berlusconi: "Mi hanno ridotto la scorta". Il Viminale: "Falso"


Berlusconi: 'Mi hanno ridotto la scorta'. Il Viminale: 'Falso'
24/01/2013, 19:05

ROMA - Un intervento sconcertante, quello fatto da Silvio Berlusconi questa mattina a "28 minuti", programma di Radio 2. Infatti, ad un certo punto ha detto che Monti non ha a cuore la sua sicurezza e gli sta riducendo la scorta, nonostante le minacce di morte che riceve. Una versione smentita dal Ministero degli Interni, che ha invece spiegato come sia in corso un semplice avvicendamento. 
Infatti, come è noto, la scorta di Berlusconi è composta dai membri di una società privata i quali, attraverso una serie di norme ad hoc, sono diventati dipendenti pubblici e, sempre secondo un'altra norma ad hoc, garantiscono la protezione di SIlvio Berlusconi (e solo la sua) per 12 mesi dopo le suye dimissioni da Presidente del Consiglio. L'anno è scaduto due mesi fa, a novembre. E quindi, sia pure in ritardo, il compito di sorveglianza sta passando ai membri dei servizi segreti. La qual cosa comporta una forte riduzione di stipendio per la quarantina di persone che normalmente si preoccupano della sicurezza di Berlòusconi. E' eviudente che abbiano protestato col loro "protetto" e che lui stia cominciando a mentire per accontentarli. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©