Politica / Politica

Commenta Stampa

Vaticano: "Da lui impegno nobili"

Berlusconi: “Monti di rango inferiore”


Berlusconi: “Monti di rango inferiore”
27/12/2012, 19:56

ROMA – L’espressione “salita” in politica usata da Mario Monti durante la conferenza di fine anno continua a suscitare polemiche. Non mancano certo le critiche del Cavaliere che dichiara: “Monti dice ‘sale’, giustamente, perché aveva un rango inferiore di quello di presidente del Consiglio”. Non è dello stesso parere il Vaticano che – per l’operato di Monti – in un articolo sull'Osservatore Romano utilizza solo parole di elogio, con “un appello a recuperare il senso più alto e più nobile della politica”.
Nell’articolo in questione, l’Osservatore Romani sintetizza i principali avvenimenti degli ultimi giorni, soffermandosi sull'ormai gettona espressione usata da Monti. “Si nota la sintonia con il messaggio ripetuto in questi anni dal presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, non a caso un’altra figura istituzionale che gode di ampia popolarità e alla quale tutti riconoscono il merito di aver individuato proprio nel senatore a vita l’uomo adatto a traghettare l’Italia fuori dai marosi della tempesta finanziaria” si legge in primo luogo nell'articolo. Poi: “È in sintesi l’espressione di un appello a recuperare il senso più alto e più nobile della politica che è pur sempre, anche etimologicamente, cura del bene comune. Ed è questa domanda di politica alta che probabilmente la figura di Mario Monti sta intercettando o sulla quale comunque il capo del Governo uscente intende legittimamente far leva e che interpella i partiti al di là dei contenuti del suo manifesto politico”.

Continuano, inoltre, le apparizioni di Silvio Berlusconi in televisione, ospite anche di Uno Mattina, il programma di prima fascia, su Rai1.
Bersaglio principale è il premier Monti.”Ho lanciato la sfida a Bersani e sono felice di potermi confrontare con lui in televisione”, spiega l'ex premier per poi aggiungere: “Non temo Monti perché da deus ex machina qual era stato proposto, se scende in politica diventa un protagonista qualunque. Lui dice sale, giustamente, perché aveva un rango inferiore di quello di presidente del Consiglio. Io ho detto sceso in campo, perché avevo un rango superiore”. Quanto al segretario del Pd il Cavaliere ha, invece, dichiarato “lo rispetto, lo temo come espressione di un partito che conferma di essere rimasto ancorato al vecchio Pci. Gli italiani hanno in me il solo baluardo per evitare che questa sinistra salga al potere. Ho avuto speranza in Renzi ma ancora una volta il comunismo ortodosso ha vinto”.
L’attenzione torna di nuovo sul presidente uscente. Secondo Berlusconi, infatti, la “cura” del premier contro la crisi è stata “assolutamente sbagliata. E chi afferma che non si può abolire l'Imu non capisce nulla di economia e di contabilità dello Stato” sottolinea l'ex premier a Uno Mattina. L’imposta sulla casa verrà compensata “aumentando di poco alcol, tabacchi, scommesse e giochi. Trovare 4 miliardi sarà un gioco da ragazzi”, dichiara l’ex presidente, illustrando il suo disegno legge. Finora, aggiunge “è stato come nel Medioevo, quando i malati si curavano con un salasso dopo l'altro finché non morivano”. Il percorso verso la recessione si può invertire anche “dando fiducia agli italiani, perché quando hai paura consumi di meno. L'equazione del benessere è sempre la stessa: meno tasse sulle famiglie, sul lavoro, sulle imprese uguale più lavoro, più produzione, più consumi, più fondi nelle casse dello Stato per aiutare chi è rimasto indietro e ha più bisogno”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©