Politica / Politica

Commenta Stampa

"Senza maggioranza paese ingovernabile"

Berlusconi: "No a larghe intese, convincere gli elettori a votarci"


Berlusconi: 'No a larghe intese, convincere gli elettori a votarci'
23/12/2013, 12:13

CATANIA - "Io non mi arrendo, non diserto il campo di battaglia, non tradisco la fiducia che in quasi trent'anni mi hanno dato milioni di italiani". A parlare e ad arringare, come suo solito, i suoi è Silvio Berlusconi con una telefonata ai giovani di Area centrodestra durante un incontro a Catania. "Entro il prossimo mese di gennaio, sarò a Catania dove faremo una passeggiata a lungomare per caricare i tanti giovani e per convincere gli indecisi e ottenere la maggioranza, perché senza questa il nostro paese è ingovernabile".

Berlusconi ci spera, spera di poter ottenere ancora una volta una maggioranza e fa leva sull'elettorato con un argomento di stretta attualità: l'impossibilità di ricorrere ancora alle famose larghe intese. In effetti la classe politica italiana non sembra davvero pronta ad intese così larghe ed efficienti come quelle che servirebbero e lìex premier lo sa e avverte''immaginate il Pd al nostro fianco dopo quello che è successo, immaginate noi al fianco del Pd? Sarebbe una rovina dunque se il Pd trovasse un accordo con il movimento cinque stelle". "Sarebbe la nostra rovina e la rovina del Paese. Per evitare questa minaccia -ha concluso - abbiamo il dovere di impegnarci come non abbiamo mai fatto a convincere tutti gli elettori indecisi, quelli di cinque stelle, oltre a tenere in caldo i nostri per ottenere la maggioranza assoluta nel paese".

Berlusconi invita i giovani militanti a partecipare all'organizzazione della nuova Forza italia. "Noi dobbiamo crederci, dobbiamo partecipare alla organizzazione di questa nuova Forza Italia che io sto tentato di fare con l'apporto di tanti giovani e di persone che arrivano dal mondo dell'impresa, dell'università, del lavoro. Quello che vogliamo realizzare deve essere il partito della gente, affidandoci a protagonisti nuovi che sentono il dovere di fare qualcosa per il nostro paese, per costruirci un futuro di benessere e di libertà per noi è per i nostri figli. Venite dunque a darmi una mano, ho bisogno di voi".

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©