Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier: "I sondaggi dicono che otterremo la maggioranza"

Berlusconi: "Non ci sarà nessun riavvicinamento a Fini"


Berlusconi: 'Non ci sarà nessun riavvicinamento a Fini'
23/12/2010, 14:12

ROMA - "Il presidente della Camera deve esser 'super partes' e questo non è stato. Soprattutto ora, dopo che è stato eletto con una maggioranza ed è passato ad essere leader di un partito che  si è collocato all'opposizione". Sono state queste le parole espresse a Villa Madama dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della tradizionale conferenza di fine anno introdotta dal presidente dell'Ordine Nazionale dei giornalisti, Enzo Iacopino. "Sono convinto che stiano crescendo nuove forze assolutamente capaci di diventare presidente del Consiglio e portare avanti il Popolo della libertà e il centrodestra", ha aggiunto. Per quanto riguarda l'intenzione di aprire un tavolo di confronto, secondo il presidente del Consiglio, sarebbe ragionevole allargare la maggioranza senza accordi con i partiti del "terzo polo". "Credo che sarebbe comunque più ragionevole un confronto piuttosto che andare alle elezioni, cosa negativa. La volontà è quella di mettere in campo iniziative per arrivare ad una maggioranza per approvare le riforme", ha aggiunto. Inoltre annuncia che non ci sarà alcun riavvicinamento a Fini e afferma: "io non sono un politico e da persona normale credo che certi limiti non si possano oltrepassare". Nel corso della conferenza stampa di fine anno ha aggiunto che se non dovesse essere raggiunta una maggioranza sufficiente per continuare a governare, la soluzione migliore sarà di avere una nuova maggioranza. "I sondaggi ci dicono che otterremo di nuovo la maggioranza sia alla Camera sia al Senato", ha detto.


Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©