Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ancora una battuta del premier durante una cena

Berlusconi, non posso lasciare il paese ai comunisti


Berlusconi, non posso lasciare il paese ai comunisti
12/04/2011, 18:04

Sapete quel è stato il giorno più bello per Aznar, Blair e Clinton? Quando hanno lasciato la politica. Silvio Berlusconi, ieri sera alla cena dei parlamentari lombardi a Lesmo, organizzata da Mario Mantovani, ha esordito con questa battuta. Vorrei farlo anch’io, ha confidato il presidente del Consiglio, ma come si fa a lasciare il Paese in mano ai comunisti? È stata la domanda rivolta ai presenti. Il Cavaliere è poi tornato a parlare di riforme - giustizia, fisco e costituzione - e del partito, derubricando a semplici incomprensioni le fibrillazioni interne al Pdl di questi ultimi giorni. Berlusconi ha ricevuto in regalo dai parlamentari lombardi un gioiello di Swarosvky a forma di toro e un grande uovo di Pasqua: la sorpresa è stata una violinista che con le sue note ha allietato la serata.


Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©