Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Non piace al premier che la maggioranza venga battuta

Berlusconi: "Puniamo gli assenti in Parlamento"


Berlusconi: 'Puniamo gli assenti in Parlamento'
30/04/2010, 15:04

ROMA - Uno degli argomenti trattati oggi in Consiglio dei Ministri dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha riguardato le assenze dei parlamentari Pdl durante le votazioni. Non è andata giù al premier il fatto che mercoledì sia stato approvato un emendamento del Pd alla legge sul lavoro. Nè che ci siano stati altri casi dove piccoli emendamenti dell'opposizione siano passati nonostante il no del governo. In questo frangente Berlusconi ha anche ipotizzato un nuovo regolamento interno, che preveda sanzioni economiche per i parlamentari assenti ingiustificatamente.
In astratto, è un'ottima cosa, per responsabilizzare i parlamentari, che spesso sono assenti per molte sedute ogni mese. Ma diventa meno buona, se si pensa a quali sono le motivazioni che spingono il premier a questa decisione. Infatti per lui il problema è che i provvedimenti del governo devono essere approvati così come escono dal Consiglio dei Ministri, e non vogliono rischiare che ci siano modifiche in corso d'opera. Senza contare un dettaglio: ma la Costituzione non dice che il Parlamentare "opera senza vincolo di mandato"?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©