Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Premier ringrazia Benedetto XVI per la "vicinanza"

Berlusconi scrive al Papa:"Garantiremo la pace sociale"


Berlusconi scrive al Papa:'Garantiremo la pace sociale'
23/12/2009, 18:12

MILANO -  Dopo aver "umanamente perdonato" Massimo Tartaglia perchè "incapace di serbare rancore" ed essere riuscitto ad aprire una linea di dialogo preferenziale con la maggioranza, il Premier Silvio Berlusconi continua ad aggregarsi alla sempre buona (e conveniente) carovana pre-natalizia e si adopera nella stesura di una sentita lettera al Papa Benenetto XVI; promettendo di lavorare nel pieno spirito cristiano insieme al proprio governo.
Dopo aver ringraziato il Pontefice per la "vicinanza" dimostrata dopo l'aggressione di Milano; con le parole di Raztinger che, scrive, "mi sono state di grande conforto", il Cavaliere si lascia andare ad una solenne promessa; ricordando infatti che "i valori cristiani sono sempre presenti nell'azione del Governo da me presieduto" e che "adotteremo tutte le misure necessarie per garantire la serenità e la pace sociale".
"Il Natale -
 conclude il presidente del Consiglio - è un momento importante di riflessione per tutti gli uomini di buona volontà. Il messaggio di pace e di fraternità di Cristo, che dovrebbe regnare tra gli uomini, purtroppo viene dimenticato quando alla forza delle idee si risponde con la violenza verbale o financo fisica".
Insomma Berlusconi è convinto: dal 2010 tutti più buoni e solerti. Se le azioni concrete e positive corrispondessero allo 0,001 delle belle parole e dei lodevoli intenti, il nostro paese, sarebbe il più avanzato del mondo; forse dell'intero universo.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©