Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Berlusconi: "Sono stato in Finlandia..." ma quando?


Berlusconi: 'Sono stato in Finlandia...' ma quando?
08/05/2009, 14:05

Tutti quanti si ricordano la battuta (almeno luila considera così, ndr) fatta dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi l'altro giorno, durante una conferenza stampa tenuta a Roma insieme al sindaco di Roma Gianni Alemanno. Ad un certo punto ha raccontato che era in visita in Finlandia e le autorità l'hanno portato a vedere una chiesa di legno che, secondo i canoni estetici italiani, sarebbe stata cancellata. Per poi concludere: "Io amo la Finlandia, amo le finlandesi, ma solo se hanno 18 anni". E tutti giù a ridere. Peccato che nessuno (o quasi) si sia soffermato su una domanda: quando Berlusconi è stato in Finlandia in visita ufficiale (se non fosse stata ufficiale, non ci sarebbero state le autorità ad interessarsi a lui)? Risposta: mai. C'è stato Frattini, di recente; prima di lui Fini, nel governo Berlusconi III, entrambi come Ministri degli Esteri; ci sono andati Ciampi, Napolitano e Scalfaro, come Presidenti della Repubblica; Prodi c'è andato come premier addirittura due volte. Ma Berlusconi mai.
E ovviamente le sue parole hanno irritato i finlandesi. che già se la presero quando, nel 2005, il nostro premier sostenne la candidatura di Parma come sede per l'Agenzia per la sicurezza alimentare dell'Unione Europea, dicendo: "È Parma che deve avere la sede, perché in Italia si mangia bene e la città emiliana è famosa per il suo prosciutto. Come si potrebbe dare la sede alla Finlandia, dove si mangia malissimo e solo renna marinata?". Cosa che offese i finlandesi due volte: innanzitutto perchè la renna è uno dei loro piatti nazionali; secondo perchè la renna loro la mangiano affumicata e non marinata; specialità invece tipica della Lapponia. Gaffe a cui Berlusconi fece seguire un serio problema diplomatico, sostenendo di aver tirato fuori le sue arti di playboy con l'allora presidentessa finlandese, Tarja Halonen, per calmare le acque. A seguito di ciò il governo finlandese - caso unico all'interno dell'Unione Europea - convocò l'ambasciatore italiano per chiedere spiegazioni.
E oggi tutti i mass media finlandesi si sono sbizzarriti nel ricordare questi fatti. E i commenti sui loro siti sono a dir poco salaci, quando non arrabbiati e furiosi, nei contronti dell'Italia e del nostro primo ministro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©