Politica / Politica

Commenta Stampa

Alfano: niente voti "contra personam".

Berlusconi, ultimatum del Pdl


Berlusconi, ultimatum del Pdl
22/08/2013, 17:42

ROMA - "La sentenza è infondata, ingiusta, addirittura incredibile". Queste le parole di Silvio Berlusconi rilasciate oggi durante un'intervista. Il leader del Pdl torna a parlare di sè e della condanna definitiva, confermata in Cassazione, per frode fiscale nell'ambito del processo Mediaset per i diritti televisivi. In merito all'esecutivo Letta e ai possibili scenari futuri legati all'economia, il cavaliere ha detto che "o nei prossimi 50 giorni il Governo è in grado di dare una scossa in positivo che possa essere percepita da tutti gli italiani, oppure saremo ancora inchiodati a una tendenza recessiva". "Il governo Letta - spiega - è nato con l'obiettivo di un alleggerimento fiscale per tutti gli italiani. Siamo un Paese in cui la domanda interna, i consumi interni, sono in forte calo. Occorre uno choc economico positivo, e tutti sanno che la strada maestra è quella di lasciare più soldi nelle mani delle famiglie, delle imprese, e dei lavoratori attraverso consistenti riduzioni fiscali. Ecco perchè l'abolizione dell'Imu su prima casa e agricoltura (abolizione che, lo ricordo ancora, vale appena un duecentesimo della spesa pubblica italiana) è un primo passo decisivo per ridare slancio all'economia. E non si potrà certo esultare per qualche eventuale "zero virgola" in più. O l'Italia riprende a correre, oppure rischiamo di pagare un prezzo altissimo". Sul caso Berlusconi è intervenuto il Vice Presidente del Consiglio dei Ministri Angelino Alfano dal meeting di Rimini: "Chiediamo al Pd di non dare un voto contra personam, con il loro nemico storico. Vogliamo che la vicenda della decadenza venga trattata come se riguardasse uno dei loro senatori". "Il Pd - ha proseguito il Ministro dell'Interno - non dia una sentenza politica e rifletta sul 'no' alla decadenza di Berlusconi. Il Quirinale e la Corte Costituzionale non c'entrano nulla. E' il Pd che deve riflettere sull'opportunità di votare 'no'. Un loro atteggiamento preventivo, indisponibile, ci allarma molto perche' significa esprimere un pregiudizio, una sentenza politica su Silvio Berlusconi".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©