Politica / Parlamento

Commenta Stampa

“Il premier più imputato dell’Universo e della storia”

Berlusconi: un uomo, un premier con 4 processi a Milano


Berlusconi: un uomo, un premier con 4 processi a Milano
28/03/2011, 19:03

ROMA - Dal Rubygate, processo che deve ancora iniziare, al caso Mediatrade, in fase di udienza preliminare e al quale ha partecipato oggi lo stesso premier, passando per le vicende Mills e Mediaset, già aperte e in fase, più o meno avanzata, di esame dei testimoni. Fa bene Silvio Berlusconi a definirsi “l’uomo più imputato dell’Universo e della storia”, anche se sarebbe da utilizzare un tono minore di ironia. Rubigate, Mediatrade, MIlls e Mediaset: sono questi i quattro procedimenti penali pendenti a Milano a carico di Silvio Berlusconi. E scusate se è poco.

CASO RUBY - Si aprirà il 6 aprile, tra nove giorni, il processo in cui il presidente del Consiglio è accusato di concussione, per le pressioni che avrebbe esercitato con una telefonata alla Questura per far “rilasciare” Ruby, e di prostituzione minorile, in relazione agli atti sessuali che avrebbe compiuto con la minorenne marocchina in cambio di denaro e regalie. I procuratori aggiunti Ilda Boccassini e Pietro Forno e il pm Antonio Sangermano stanno preparando la lista dei testimoni che dovrà essere presentata entro mercoledì. La difesa dovrebbe depositarla domani. La prima udienza sarà probabilmente di “smistamento”, utile per fare un calendario, anche a seconda degli impegni del premier, per le prossime date. Sul processo potrebbe pesare anche la decisione della Camera sul conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato.

CASO MEDIATRADE – Nell’udienza preliminare il capo del Governo, presente oggi in aula, è accusato di frode fiscale fino al 2009 e di appropriazione indebita per 34 milioni di dollari fino al 2006 per presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv. È un’inchiesta “stralcio”, nata dal procedimento su diritti televisivi Mediaset. Tra gli altri 11 imputati, figurano anche il figlio del premier, Pier Silvio, il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, accusati di frode fiscale. Dopo la costituzione delle parti di oggi, il prossimo 4 aprile prenderanno la parola i pm Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro per ribadire la richiesta di processo. Poi nelle udienze del 2 e 30 maggio ci saranno gli interventi delle difese e forse sarà necessaria un’altra udienza per la decisione del gup Maria Vicidomini.

CASO MILLS - Sul processo, in cui il premier risponde di corruzione in atti giudiziari dell’avvocato inglese David Mills, incombe la “tagliola” della prescrizione del reato, il cui termine scade nel febbraio 2012. Per Mills, che avrebbe ricevuto 600 mila dollari da Berlusconi per testimonianze reticenti nei processi sulle tangenti alla Gdf e All Iberian, sono arrivate condanne in primo e secondo grado e poi la Cassazione ha dichiarato la prescrizione. Nella scorsa udienza ha testimoniato un consulente del pm. Si riprenderà il prossimo 9 maggio con il controesame del consulente e altri testi del pm. Altre udienze sono già fissate fino a fine luglio.

CASO MEDIASET - Il processo sulle presunte irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi da parte di Mediaset, nel quale il premier è imputato per frode fiscale, assieme ad altre persone, tra cui Fedele Confalonieri, riprenderà il prossimo 11 aprile. Il termine di prescrizione del reato per Berlusconi scade tra fine 2013 e inizio del 2014. Nella prossima udienza testimonierà Gabriella Galetto, ai tempi dirigente Fininvest. I giudici nella scorsa udienza hanno invitato le difese a “sfoltire”, entro giovedì, le liste dei testi. È ancora aperta anche la questione di alcune rogatorie testimoniali all’estero chieste dal pm De Pasquale.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati