Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ieri ad Uno Mattina, oggi al TG5

Berlusconi viola la par condicio, ma nessuno interviene


Berlusconi viola la par condicio, ma nessuno interviene
24/03/2010, 10:03

ROMA - Ieri c'è stato un lungo intervento del Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi ad Uno Mattina, e nessuno è intervenuto nè ha fatto notare la violazione della legge. Ci dovrebbe pensare l'Agcom, che dovrebbe sanzionare sia i conduttori di Uno Mattina che lo stesso Presidente del Consiglio; ma le intercettazioni fatte dalla Procura di Trani hanno dimostrato che tutti i membri dell'Agcom sono agli ordini di Berlusconi, e quindi è persino sciocco pensare che possano agire secondo la legge.
Oggi la stesa cosa è avvenuto su Canale 5, durante l'edizione del TG5 della mattina. Ancora una volta un collegamento telefonico con il premier, ed ancora una volta una totale violaizone della par condicio. Le dichiarazioni di Berlusconi sono state le solite: insulti ai suoi avversari, attacchi alle cosiddette toghe rosse, autoelogio di quello che il governo da lui presieduto non ha fatto, ma di cui reclama a sè il merito. Niente di nuovo, quindi. Resta il fatto che ci dovrebbe essere anche in questo caso una pesante sanzione, per la palese violazione della par condicio.
Però si sta avverando quello che disse domenica scorsa Emma Bonino, e cioè che Berlusconi avrebbe monopolizzato la TV in quest'ultima settimana, perchè le previsioni sulle elezioni dimostrano che difficilmente il Pdl otterrà più di 4 regioni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©