Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Berlusconi visita l'Abruzzo, ma scappa da giornalisti e terremotati


Berlusconi visita l'Abruzzo, ma scappa da giornalisti e terremotati
18/06/2009, 15:06

Ieri era prevista una visita del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in Abruzzo, che come sempre è stata dipinta in TV come la solita festa per gli sfollati. In realtà ieri per Berlusconi in Abruzzo è stata una fuga continua. Innanzitutto all'arrivo all'aeroporto, fuga dai cronisti, che non hanno potuto avvicinarsi, perchè il premier è subito salito sull'elicottero che ha fatto un giro sui cantieri delle piattaforme antisismiche che verranno costruite. FInito questo giro, è arrivato con l'elicottero direttamente nella caserma della Guardia di Finanza di Coppito, per scappare da un gruppo di sfollati, riunitisi davanti la caserma per chiedere una ricostruzione partecipata e trasparente. Poi l'incontro con i politici di destra della zona e le ditte da loro scelte, con un unico obbligo: realizzare le promesse da lui fatte, a costo di lavorare 24 ore su 24. Dopo di che c'è stata la fuga di Berlusconi dalla conferenza stampa, a cui doveva partecipare, lasciando di sasso i cronisti, che comunque erano stati già "depurati" di tre di loro che volevano chiedere a Berlusconi di finanziare la ricostruzione con entrate certe. E per questo erano stati cacciati fuori dalla Guardia di Finanza.
Ma si sa, la paranoia dei dittatori raggiunge vette elevatissime.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©