Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Cavaliere prende le distanze dal Senatur

Berlusconi vs Bossi: “Sbaglia. L’Italia ci sarà sempre”

“Mi spiace, ma questa volta non sono d’accordo con lui”

Berlusconi vs Bossi: “Sbaglia. L’Italia ci sarà sempre”
22/08/2011, 20:08

ROMA - Alla vigilia dello sbarco della Manovra a Palazzo Madama le acque della politica continuano ad essere agitate. Nuove tensioni sempre più aspre quelle che vanno registrandosi tra i banchi della maggioranza, con al centro la polemica sui rapporti sempre meno idilliaci tra Pdl e Lega.
“Mi spiace questa volta di non essere d’accordo con il mio amico Umberto Bossi. L’Italia c’è e ci sarà sempre”: in questo modo, forse per la prima volta, il premier prende le distanze dal leader del Carroccio. Proprio ieri notte, infatti, nel corso di un comizio,il Senatur nel commentare le parole del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, aveva dichiarato: “Questo è un cambiamento epocale, non è questione di Nord o di Sud: bisogna vedere se l’Italia ci sarà ancora. È un momento molto difficile e grave, se l’Italia va giù la Padania viene su”. Un chiaro invito ai leghisti, quello di Umberto Bossi, a prepararsi alla nascita della Padania, visto che l’Italia, alle prese con la crisi economica, dimostrerebbe di non farcela. Un chiara ed ennesima dimostrazione della sua ossessiva ed opprimente convinzione di cui non ha mai fatto mistero.
Parole che non sono piaciute al Cavaliere, che per questa volta ha deciso di non fare orecchie da mercante e dire la sua attraverso un comunicato diffuso da Palazzo Chigi: “Celebriamo i 150 anni di unità di un Paese che ha sempre saputo reagire con grande orgoglio alle difficoltà che la storia gli ha posto innanzi. Un Paese che è unito – ha dichiarato Berlusconi - con un Nord e con un Sud che sono partecipi di una comune storia e di un comune destino”.

LE PAROLE DI BOSSI
A Capriata d’Orba, il leader della Lega aveva commentato l’auspicio di Giorgio Napolitano su una crescita meno diseguale tra Nord e Sud. Riportiamo di seguito le sue parole: “Questo è un cambiamento epocale, non è una questione Nord-Sud, bisogna vedere se l’Italia ci sarà ancora. Il sistema italiano è condannato a morte il Nord produce, da soldi a Roma che li distribuisce al Sud. La soluzione è la Padania, perché è l’Italia che non tiene più. Sarà la grande Padania che ci darà un altro futuro”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©