Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Multe fino a 100 mila euro per chi pubblica intercettazioni

Berlusconi vuole imbavagliare la stampa con il ddl Mastella


Berlusconi vuole imbavagliare la stampa con il ddl Mastella
24/06/2011, 10:06

ROMA - E' tramontata la possibilità, discussa ieri, che il Pdl varasse a tempo di record un decreto legge per bloccare le indagini della magistratura, basandosi sulla legge approvata al Senato, ma giacente alla Camera da un anno. Questo perchè, cauti sondaggi fatti nei confronti del Quirinale, avrebbero dimostrato che Napolitano non avrebbe collaborato firmando il decreto.
Allora ecco il piano B. CIoè presentare un articolo della legge Mastella, approvata nel 2007 dalla Camera dei Deputati con 447 voti a favore, quindi con voto bipartizan. L'articolo in questione prevede una multa da 10 a 100 mila euro per punire i giornalisti che pubblicano intercettazioni telefoniche integrali, per estratto o per riassunto. In questa maniera le indagini dei magistrati non verrebbero toccati, per ora, ma si impedirebbe ai cittadini di conoscere cosa succede. Questa scelta avrebbe anche un pesante effetto negativo per l'opposizione, dal punto di vista mediatico: se l'opposizione votasse a favore di questa legge, verrebbe accusata di aiutare il premier; se votasse contro, di aver votato in contraddizione con una legge già approvata una volta e proposta da quello che allora era un suo rappresentante. Insomma, scatterebbe ancora una volta l'accusa di anti-berlusconismo pregiudiziale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©