Politica / Parlamento

Commenta Stampa

A breve si vedrà se il Presidente della Camera fa sul serio

Berlusconi-Fini: aumentano le tensioni nella maggioranza


Berlusconi-Fini: aumentano le tensioni nella maggioranza
01/11/2010, 09:11

ROMA - Non è piaciuto a Silvio Berlusconi l'intervento che ieri il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha fatto davanti all'assemblea dei circoli romani di Fli. Lo dimostra la secca replica alla proposta di Fini di fare "un passo indietro", per rivitalizzare la maggioranza: "Io non mi dimetto, tanto meno perché lo chiede lui. Se Fini vuole, stacchi pure la spina, si assuma la responsabilità. Se ne è capace. I suoi non lo seguono nemmeno se azzarda un sostegno esterno, figurarsi nello strappo.Anzi, se davvero Gianfranco va fino in fondo, è anche meglio. Sapremo a chi dare la colpa". Una vera e propria dichiarazione di guerra reciproca tra le due parti. Ora il punto è vedere cosa farà il Presidente della Camera: se fosse conseguenziale alle sue dichiarazioni, dovrebbe rompere definitivamente col Pdl e, di fatto, porsi all'opposizione, togliendo al premier la maggioranza dei parlamentari alla Camera dei Deputati; se non lo facesse, allora queste sono solo parole al vento. E lo si vedrà presto: Berlusconi ha bisogno di bloccare i propri processi e il processo che vede Marcello Dell'Utri imputato di concorso esterno alla mafia, e ha 6 mesi di tempo circa per farlo, probabilmente meno. Quindi dovrà essere introdotta una qualche legge (forse il processo breve, ma può darsi anche altre leggi) che difficilmente potrà passare, se qualcuno tra Pd, Udc e Fli non gli dà una mano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©