Politica / Politica

Commenta Stampa

Bersani attacca Monti. Casini replica

Il segretario del Pd chiede chiarezza sulle alleanze

Bersani attacca Monti. Casini replica
30/12/2012, 16:55

Non va giù al leader dell’Udc l’attacco a Mario Monti fatto dal segretario del Pd. Bersani durante un’intervista ha infatti avuto parole dure per il presidente del Consiglio uscente, che invita a fare chiarezza: “Non possiamo affidarci a leader solitari. Il Professore deve dirci con chi sta, quali scelte intende fare, cosa pensa sui diritti civili. Non bastano un’agenda e un simbolo”. Il leader del centro sinistra accusa Mario Monti di mancanza di trasparenza: “Non abbiamo costruito l’alleanza di centrosinistra in una stanza chiusa. L’abbiamo fatto in mezzo al nostro popolo, con le primarie, che sono state il suggello di un impegno reciproco, di un progetto trasparente. Tocca al Centro dire ora che strada vuole prendere”. Prontamente a difendere Monti e il centrismo, c’è Pier Ferdinando Casini, che accusa il Pd di doppia morale: “Quando Piero Grasso, procuratore nazionale Antimafia, si candida con il Pd risponde a un imperativo morale. Quando Enrico Bondi accetta di contribuire a un lavoro di accertamento sulla trasparenza delle candidature di un nuovo soggetto politico commette un vulnus istituzionale. No, caro Pier Luigi, questa doppia morale non mi convince e mi induce a più amare riflessioni: il Pd non vuole un'area centrista competitiva e scomoda perché preferisce il vecchio ed eterno scontro con Berlusconi,  diventato avversario di comodo”. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©