Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Senatur:"Entro fine marzo lo porteremo a casa"

Bersani e Bossi: scontro sul federalismo

Il Leader Pd:"La Lega tira solo a campare"

Bersani e Bossi: scontro sul federalismo
09/02/2011, 18:02

ROMA - Le pressioni sempre più forti della basse spingono Umberto Bossi a dover fare promesse precise:"Entro fine marzo portiamo a casa il federalismo". Per il Senatùr, infatti, "abbiamo ben calcolato i tempi, passerà. Ormai è entrato nella testa di questo paese". Ovviamente, precisa subito dopo il leader leghista "se in Parlamento ci sono i numeri si può ragionare, ma se non passa il federalismo è meglio andare al voto".
E su Gianfranco Fini che aveva assicura il proprio voto salvo poi ritirarlo all'ultimo momento? Bossi sembra essere inaspettatamente paziente:"Sono del parere che tutti possono migliorare. Fini ci ha detto che il federalismo sarebbe passato, che lo avrebbe votato. Alla fine non l'ha mantenuta..."

LA CRITICA DI BERSANI
Ma di tutt'altro tenore sono le dichiarazioni del segretario nazionale del partito democratico, Pier Luigi Bersani:"Berlusconi garantisce alla Lega il federalismo per avere il processo breve e per tirare un altro pò a campare e la Lega a l'esigenza di sbandierare la sua bandierina. A questa strategia è stato ridotto il federalismo che in questo modo porterà ad esiti o irrilevanti o ingestibili". L'ex ministro chiuede dunque al Carroccio una pausa di riflessione:"Fermatevi. La forzatura è solo uno scambio che porterà ad un federalismo irrilevante o sbagliato perdendo una occasione storica mentre si potrebbe tornare a parlarne perchè il Pd e la Lega, da condizioni diverse, sono le uniche forze in Italia veramente autonomiste".
Proprio nei giorni scorsi il numero uno della Lega era stato beccato dai suoi stessi elettori con forza e decisione. Troppo succubi di Silvio Berlusconi, era l'accusa più ricorrente; meglio staccarsi prima possibile dal Pdl e lanciare il federalismo, è stato l'accorato invito che molti tesserati leghisti hanno rivolto al Senatùr ed ai suoi colonnelli.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©