Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il leader del Pd incontra Roberto Saviano

Bersani: "Si riparte pulito, con un ddl sull'ineleggibilità"

Quanto a Grillo ci sono possibilità di dialogo

Bersani: 'Si riparte pulito, con un ddl sull'ineleggibilità'
24/03/2013, 09:36

ROMA - Il leader dei democratici, Pier Luigi Bersani, al termine della prima giornata di consultazioni mostra di essere tutt'altro che pessimista per quel che riguarda il futuro governo. Il segretario del Pd, alle domande rivoltegli sul programma, ha risposto annunciando le novità che ha in mente e parlando della possibilità di un dialogo tra forze politiche.

«Ritengo che ci possa essere spazio per discutere sui punti che riguardano le istituzioni nella chiave indicata dal Capo dello Stato che ha fatto una corretta distinzione tra due registri possibili. Io mi muovo in quel solco, anche loro si prendano le loro responsabilità», ha detto Pier Luigi Bersani. E poi ha proseguito: «Nel programma che presenterò ci saranno norme stringenti su questi temi, incandidabilità, ineleggibilità, incompatibilità. Si riparte su pulito, basi nuove, ci sarà un ddl sull'ineleggibilità».

Bersani, insomma, ha garantito che, se il suo governo si farà, si faranno "subito misure per la legalità". A tal proposito, il leader del Pd ha avuto modo di dibattere sui temi legati alla lotta alla criminalità con lo scrittore anti camorra Roberto Saviano, con il quale ha avuto un incontro prezioso per la definizione di alcuni punti del suo programma di governo. E' stato "un incontro assolutamente prezioso ed illuminante - ha detto Bersani - che mi ha offerto un vero contributo per un immediato programma di interventi sui temi della lotta alle mafie".

Quanto a Grillo, Bersani si è detto disponibile al dialogo, dal momento che entrambi percepiscono un'esigenza di cambiamento e hanno intenzione di muoversi in quella direzione. «Il Movimento 5 Stelle non ha bisogno di attaccarmi. Si è visto che noi non siamo in coda, ma in testa a un'esigenza di cambiamento. Se altri si sottraggono e rendono impossibile questa possibilità, si prendono le loro responsabilità», ha concluso il leader del PD.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©