Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Una presa per i fondelli per i loro elettori meno estremisti

Biotestamento: stop a nutrizione se inefficace


Biotestamento: stop a nutrizione se inefficace
23/02/2010, 16:02

ROMA - Alla Camera dei deputati è stato approvato un singolare emendamento, alla legge sul biotestamento. Come è noto, uno dei punti più controversi della legge è il fatto di non considerare l'alimentazione e l'idratazione per via endovenosa come terapie mediche, ma come supporti vitali e quindi esclusi dalla disponibilità dell'individuo. Oggi è stata approvato un emendamento con i soli voti della maggioranza, oltre a quello di Paola Binetti, che specifica che alimentazione ed idratazione "devono essere mantenute fino al termine della vita ad eccezione dei casi in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche esenziali del corpo".
Che significa questa norma? Assolutamente nulla. Se il cuore viene fatto battere, l'idratazione e la nutrizione - anche se artificiali ed effettuate attraverso un tubo infilato nella vena o in gola - saranno sempre "efficaci". Il punto ovviamente è diverso: si può obbligare una persona che ha dichiarato di non volersi alimentare essere costretta ed essere alimentato a forza?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

24/02/2010, 20:02

L'illusione ottica