Politica / Parlamento

Commenta Stampa

BOBBIO PDL: LA MAGISTRATURA C'E' ED E' EFFICACE


BOBBIO PDL: LA MAGISTRATURA C'E' ED E' EFFICACE
05/11/2008, 08:11

" Le decine e decine di ordinanze di custodia cautelare che hanno colpito il clan Gionta di Torre Annunziata dimostrano quanto grande e concreto sia l'impegno che la magistratura e le forze di polizia mettono nella repressione dei fenomeni criminali che strangolano la vita civile ed economica della provincia di Napoli. – lo afferma l'on. Luigi Bobbio, presidente della Federazione Provinciale di AN - L'impegno del governo di centrodestra sul fronte della lotta alla camorra è ormai entrato pienamente a regime attraverso la concentrazione sulla Campania di uomini e risorse quale mai si era vista negli ultimi decenni. Le stesse dimensioni dell'operazione stanno però a dimostrare quanto grande e pervasivo sia l'avvelenamento che la criminalità organizzata ha causato in Campania e nella provincia di Napoli in particolare. Gli arresti di questa mattina servono inoltre a ricordare che la camorra non è solo la provincia di Caserta, ma esiste una provincia di Napoli in cui da tempo sono saltate tutte le regole della convivenza civile e in cui la barbarie e la ferocia delle decine di clan si intrecciano e traggono linfa dalla disgregazione del tessuto civile cui nessun sindaco pensa a mettere fine. Operazioni come quella di oggi devono farci ricordare che situazioni analoghe a quella di Torre Annunziata sono presenti nelle aree stabiese, dei monti lattari e dell'intero litorale vesuviano e che è arrivato il momento che anche le amministrazioni cittadine interessate abbandonino, per collaborare seriamente alla lotta al crimine, le sterili manifestazioni di facciata dietro le quali sono solite rifugiarsi, per iniziare finalmente a praticare una seria, dura e quotidiana lotta all'illegalità diffusa che della camorra è matrice non secondaria. Per quanto riguarda i camorristi arrestati ci auguriamo, che una volta tanto., segnando un'inversione di tendenza, verranno condannati a marcire in galera."           


 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©