Politica / Politica

Commenta Stampa

Bobbio (Pdl):"Condivido intervento di Woodcock"

Il problema dei magistrati che scendono in politica

Bobbio (Pdl):'Condivido intervento di Woodcock'
10/02/2013, 17:15

Bobbio (Pdl) su dichiarazione di Woodcock: "Il problema non sono i magistrati che scendono in politica, ma quelli che nel ruolo di magistrati fanno lo anche politica".
Nel corso della diretta di Voto Spinto di oggi, in onda su Julie Italia, sono stati mandati alcuni filmati registrati ieri, durante il convegno organizzato a Formia dall’Associazione Antimafia Caponnetto, cui hanno preso parte fra gli altri i magistrati Giovanni Conzo (DDA Napoli), Henry John Woodcock (Procura Napoli) e Giuseppe Cascini (DDA Roma).
In particolare gli ultimi due hanno risposto alla domanda sulla opportunità o meno che le toghe passino in politica.
Durissime le loro critiche a questa scelta. Woodcock ha dichiarato fra l’altro che, una volta passati in politica, i magistrati farebbero meglio ad astenersi dalla partecipazione a programmi televisivi, per evitare di mostrare tutto il loro senso di inadeguatezza. «Se non andassero in tv, a mio giudizio prenderebbero più voti», ha dichiarato Woodcock.
Per Cascini, "il fatto che un magistrato che abbia indagato su vicende riguardanti la politica si schieri poi da una parte o dall’altra, inquina la linearità della sua attività investigativa".
Il magistrato Luigi Bobbio, nonchè candidato del Pdl ha replicato: "Il problema non sono i magistrati che scendono in politica, ma quelli che nel ruolo di magistrati fanno lo anche politica. L'intervento di Woodcock è stato molto preciso e lo condivido. Quello che colpisce nelle apparizioni televisive ad esempio di Pietro Grasso è che lui appare frastornato e in distonia con la comunicazione politica. A volte mi fa tenerezza, perchè il suo partito, ovvero il Pd, lo manda in trasmissioni di confronto politico dai grandi ascolti, solo per la volontà di sfruttare il bel nome del candidato".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©